Sei un partecipante?

8 modi per organizzare l'insegnamento online e risparmiare ore a settimana

presentando

Lorenzo Haywood · XNUMX€ 19 luglio, 2023 · XNUMX€ 13 min leggere

Ecco una delle cose che non ti insegnano a scuola:

Essere un adulto con un lavoro da adulto richiede una quantità empia di organizzazione.

E ora, guarda te, un adulto con le capacità organizzative di un bambino di 5 anni. Non preoccuparti - ci sentiamo tutti così.

Avere cose organizzate e facilmente accessibili non solo può farti perdere meno fatica, ma può anche farti risparmiare ore del tuo tempo prezioso a lungo termine.

Bonus laterale 👉 ti impedisce di dimenarti come un'aringa in preda al panico ogni volta che devi trovare qualcosa davanti a 30 studenti silenziosi.

Ecco 8 consigli utili per organizzarti nel tuo insegnamento online.

Il tuo spazio di lavoro

Prima di poter organizzare il tuo lavoro digitale, devi organizzare la tua vita fisica.

Non intendo apportare modifiche grandiose e radicali alle tue relazioni e alla tua salute... Voglio solo dire che dovresti spostare alcune cose sulla tua scrivania.

Probabilmente c'è stato un tempo, prima che tu facessi la mossa online, in cui pensavi che la tua postazione di lavoro per l'insegnamento online sarebbe stata così 👇

4 regole definitive per un ufficio domestico produttivo (con un hack da scrivania in piedi) - WizIQ Blog

Ah! Immaginare…

Cerchiamo di essere reali; la tua scrivania non assomiglia per niente a questo. Anche se fosse successo all'inizio dell'anno scolastico, ora stai guardando un inferno di carta stropicciata, penne usate, briciole di biscotti e 8 set di cuffie rotte che avevi promesso che avresti riparato.

Tutti sogniamo una scrivania perfettamente organizzata, ma soprattutto nell'insegnamento, l'esatto contrario è praticamente inevitabile.

È come tu affare con il disordine che può salvare le tue lezioni dal dissolversi in una bolgia.

#1 – Segmenta il tuo spazio

Può sembrare ovvio, ma tutte le tue cose sono sparse sulla scrivania perché sono senzatetto.

Non ha un posto da chiamare proprio, quindi si trova in giro con altri oggetti nel modo più scomodo possibile.

Segmenta la tua scrivania in diverse aree per carta, cancelleria, libri, giocattoli e oggetti personali, quindi contenendoli esclusivamente all'interno di quell'area, può essere un grande passo verso una scrivania ordinata.

Ecco alcune cose che puoi acquistare in questo momento per aiutare la segmentazione.

  • Un cassetto della carta – Un semplice set di (preferibilmente trasparente) cassetti dove puoi organizzare i tuoi vari documenti in categorie come note, piani, contrassegnare, ecc. Ottieni cartelle e schede colorate per separare quelle categorie per ciascuna delle tue classi.
  • Scatola per arti e mestieri – Una grande scatola (o set di scatole) in cui puoi gettare i tuoi vari materiali artistici e artigianali. Arti e mestieri sono affari disordinati, quindi non preoccuparti troppo di mettere le tue forniture nella scatola in modo super ordinato.
  • Un portapenne - Un semplice cestino per tenere le tue penne. Se sei come me e sei un accumulatore seriale di pennarelli per lavagna, prova questo: non esserlo. Senza se e senza ma; quando una penna ha finito (o lotta per la vita) buttala dentro….
  • ...Un cestino – Qui è dove vanno a finire i rifiuti. te lo dovevo davvero dire?

#2 – Cambialo di giorno

Quando esci per la giornata, svuoti la scrivania o semplicemente alzi le mani in aria e salti nella vasca da bagno per festeggiare?

Nessuno dice che non dovresti fare la seconda opzione lì, ma forse potresti ritardare i festeggiamenti di 5 minuti e, prima, rimuovi il disordine della giornata dalla tua scrivania.

Non avrai bisogno della maggior parte di ciò che hai usato oggi quando ti siedi alla tua scrivania domani, quindi liberare la scrivania ti lascerà con un tabula rasa; una tabula rasa con cui puoi mettere esclusivamente quello che ti serve per la giornata in termini di materiali.

In questo modo, tutto quel disordine è in un altro spazio di archiviazione nel tuo ufficio a casa o è nel cestino. Ad ogni modo, non è sulla tua scrivania, quindi le possibilità che si costruisca e si trasformi in qualcosa di mostruoso sono notevolmente ridotte.

Va bene avere una scrivania disordinata | Gestione patrimoniale di IG
Probabilmente una rappresentazione più realistica della tua scrivania. Immagine per gentile concessione di Gestione patrimoniale di IG.

#3 – Se non è rotto, non aggiustarlo

Una scrivania disordinata è segno di una mente disordinata, così si dice, tranne per il fatto che né una scrivania disordinata né una mente disordinata sono sempre una brutta cosa.

Menti disordinate do tendono a creare scrivanie disordinate, ma menti disordinate, secondo uno studio pubblicato su Psychological Science, sono semplicemente più creativo in generale.

Lo studio ha scoperto che una scrivania disordinata può rappresentare qualcuno pieno di nuove idee e qualcuno più pronto a correre rischi creativi.

"Gli ambienti ordinati, al contrario, incoraggiano le convenzioni e vanno sul sicuro", spiega il leader dello studio, Kathleen Vohs.

Quindi davvero tutto dipende dal tipo di persona che sei. Se ti consideri un'anima creativa, non importa cosa dice il sindacato anti-disordine; lascia il caos sparso sulla tua scrivania e goditi la spinta di creatività quotidiana che ti dà.

Le tue risorse

Certo, c'è meno carta in giro ora che insegni online, ma le montagne di disordine digitale sei praticamente sepolto sotto non è molto meglio.

Il semestre medio potrebbe vedere oltre 1000 schede aperte, 200 cartelle caotiche di Google Drive e 30 password dimenticate. Quel livello di disordine può causare interruzioni imbarazzanti nelle lezioni.

Cerca di superare tutti questi documenti digitali. Potrebbe sembrare impossibile ora, ma piccole modifiche al modo in cui ti organizzi possono farti risparmiare grossi mal di testa in seguito.

#4 – Raggruppa le tue schede

Abbiamo tutti sentito dire che un browser disordinato è altrettanto brutto di una scrivania disordinata. Ma ancora una volta, non è vero.

Forse sei già una di quelle persone con 42 schede aperte, senza organizzazione e un completo miscuglio di schede per il lavoro, schede per hai tempo e schede per imparare a ridurre il numero di schede.

Bene, prima di tutto, l'autore di affari e filosofia Malcolm Gladwell ti dice di non preoccuparti del quantità delle tue 42 schede. Inferno, dice, "vai a cinquanta". Se le schede sono interessanti e pertinenti a ciò che fai, non c'è motivo di ridurle.

Ma l' organizzazione di quelle schede potrebbe essere un problema. Non è mai bello arrancare intorno alla barra in alto del tuo browser di fronte a una classe di studenti silenziosi, sudando e pregando di non aprire accidentalmente quella ricevuta di Amazon per un gratta-schiena extra lungo che SAI è qui intorno da qualche parte...

Per questo, c'è una soluzione semplice...

Quelle schede colorate nella parte superiore del mio browser mi aiutano a separare il mio lavoro dal mio tempo, il tempo di lettura, il tempo dei meme e il tempo che dedico alla ricerca di grattaschiena extra lunghi rari e preziosi.

Lo faccio su Chrome ma è anche una funzionalità di altri browser come Vivaldi e Brave. Non è ancora una funzionalità su Firefox, ma ci sono molte estensioni che possono fare il lavoro lì, come lavoro e Scheda Stile albero.

Puoi semplicemente espandere la scheda di cui hai bisogno per quella lezione, mentre comprimi tutto il resto.

#5 – Mantieni in ordine il tuo Google Drive

Un altro mucchio di disordine che potresti trovare è probabilmente nel tuo Google Drive.

Se sei come il 90% degli altri insegnanti là fuori, sicuramente rinvii l'organizzazione del tuo Google Drive fino a quando non ti viene esplicitamente detto che stai per esaurire lo spazio.

È spesso un compito arduo organizzare Google Drive solo a causa dell'enorme quantità di roba lì dentro. Quando condividi quella roba anche con altri insegnanti e contro tutti i dei tuoi studenti, potrebbe sembrare una montagna impossibile.

Quindi prova questo: invece di riordinare ciò che hai già, inizia da ora. Ignora ciò che è già presente e organizza semplicemente i nuovi documenti in cartelle.

Un esempio di un'unità didattica organizzata, per gentile concessione di Insegna Crea Motiva.

Cose codificate a colori come questa non solo hanno un bell'aspetto, ma aiutano sia l'organizzazione che motivazione organizzare, che è fondamentale. In poco tempo, potresti sentirti naturalmente obbligato a spostare tutto il tuo lavoro esistente in queste graziose cartelle.

Non ti piacciono i codici colore? Assolutamente fantastico. Ci sono un sacco di altre cose che puoi fare per mantenere organizzato il tuo Google Drive:

  • Aggiungi le descrizioni delle cartelle – Puoi aggiungere una descrizione a qualsiasi cartella con un titolo vago o un titolo simile a un'altra cartella. Controlla la descrizione facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella e selezionando "dettagli".
  • Numera le tue cartelle – Le cartelle più importanti potrebbero non essere le prime in ordine alfabetico, quindi inserisci un numero all'inizio del nome, a seconda della sua priorità. Ad esempio, i documenti per gli esami sono piuttosto importanti, quindi metti un "1" davanti. In questo modo, verrà sempre visualizzato per primo in un elenco.
  • Ignora "condiviso con me" – La cartella 'condivisa con me' è un'assoluta landa desolata di documenti dimenticati. Non solo ripulirlo richiede un'eternità, ma calpesta attivamente i piedi dei tuoi colleghi insegnanti poiché quei documenti sono comuni. Fatti un favore e ignora tutto.

#6 – Sii intelligente con le tue password

Scommetto che c'è stato un tempo in cui pensavi di ricordare tutte le tue password. Probabilmente ti sei registrato ad alcuni servizi online e hai pensato che tenere premuti i dettagli di accesso sarebbe stato un gioco da ragazzi.

Bene, probabilmente è stato molto tempo fa, nell'età della pietra di Internet. Ora, con l'insegnamento online, hai tra 70 e 100 password e sapere meglio che scriverli per intero.

I gestori di password lo risolvono bene. Certo, hai bisogno di una password per accedervi, ma manterrà tutte le password che usi in tutti gli strumenti della tua vita scolastica e personale.

Custode è una buona opzione sicura, così com'è Passo Nord.

Naturalmente, la maggior parte dei browser al giorno d'oggi ti offre anche una "password consigliata" che salveranno per te quando ti iscrivi a qualcosa di nuovo. Usali ogni volta che puoi.

La tua comunicazione

L'insegnamento online è un po' un buco nero per la comunicazione.

Gli studenti parlano meno, sia con te che tra loro, eppure è ancora più difficile tenere traccia di chi ha detto cosa a che ora.

Ci sono diversi strumenti in giro per aiutarti a seguire la conversazione che sta avendo la tua classe, richiamarla quando necessario e lasciare messaggi che rimangano con i tuoi studenti.

#7 – Usa un'app di messaggistica

L'e-mail non funziona a scuola.

Eppure molti insistono ancora sul fatto che gli insegnanti lo utilizzino per rimanere in contatto tra loro, con i genitori e con gli studenti.

La realtà è che la comunicazione e-mail è rallentare, facile perdere e persino più facile perderne completamente le tracce. I tuoi studenti fanno parte di una generazione in cui la comunicazione è l'esatto opposto di tutte queste cose, quindi costringerli a usarla è come il tuo insegnante ai tempi che ti costringeva a parlare tramite segnali di fumo e cellulari comicamente grandi.

Con un'app di messaggistica istantanea, hai facile accesso a tutta la tua corrispondenza con gli studenti, i loro genitori e la tua stessa scuola.

Slack e Classificazione funzionano alla grande per questo in quanto entrambi hanno funzioni di ricerca facili e la possibilità di impostare un sacco di canali diversi dove puoi concentrarti su progetti di classe, gruppi extracurriculari e solo per chattare sul tempo.

#8 – Usa uno strumento di gestione della classe

L'idea di dare le stelle per il buon comportamento, e di portarle via per il male, è vecchia quanto la scuola stessa. È un modo classico per coinvolgere gli studenti più giovani nell'apprendimento.

Il problema è che, nell'aula online, l'essere trasparente con la tua assegnazione di stelle è difficile. Il tabellone non è immediatamente visibile a tutti e la sensazione che sia davvero importante può facilmente perdersi. Alla fine diventa una seccatura tenere traccia del totale delle stelle di ogni studente durante il semestre.

Uno strumento di gestione della classe online non è solo più visibile e tracciabile, ma lo è anche considerevolmente più motivante per gli studenti di una catena infinita di stelle.

Uno dei migliori in circolazione è artigianato di classe, in cui i tuoi studenti creano i propri personaggi e li avanzano di livello completando i compiti loro assegnati.

Tutto è tenuto sotto controllo per te, quindi non devi setacciare pile di foto sul tuo telefono per cercare di contare le stelle di tutti.

Altri suggerimenti rapidi

Non è tutto! Ci sono un sacco di piccole abitudini che puoi iniziare a formare per una migliore organizzazione dove conta...

  • Scrivi il tuo programma – Un giorno solo si sente più organizzato quando è sulla carta. La sera prima, scrivi l'intero programma delle lezioni per il giorno successivo, quindi divertiti a spuntare ogni lezione, incontro e altra pietra miliare fino all'ora del vino!
  • Vai su Pinterest – Se sei un po' in ritardo alla festa di Pinterest (come me), ricorda che è meglio tardi che mai. Ci sono un'incredibile quantità di risorse didattiche e ispirazione che ti aiutano a organizzare la tua pianificazione in un unico posto.
  • Crea playlist di YouTube – Non limitarti a salvare i link: accumula tutti quei materiali video in una playlist su YouTube! È più facile tenere traccia e più facile per gli studenti procedere con tutti i video nell'elenco.

Ora che sei completamente immerso nell'insegnamento virtuale, probabilmente hai scoperto che il mondo online è molto più confuso di quanto pensassi all'inizio.

Usa questi suggerimenti per sistemare il caos quotidiano, organizzare le lezioni e finire per risparmiare preziose ore settimanali che puoi utilizzare Tu tempo.

Una volta organizzato il caos quotidiano, ti meriti quel tempo per rilassarti.